• Pubblicata il:
  • Autore: Ryban
  • Categoria: Racconti trav
  • Pubblicata il:
  • Autore: Ryban
  • Categoria: Racconti trav

Convertita

Entro in chat trans ciao, sono Valentino, uomo di 54 anni,single, direi una persona normale,fisicamente robusto,alto 175 e 110kg robusto,sano pulito no a droghe,sessualmente poco dotato, curioso nella vita e curioso anche sessualmente,fino a 31 anni etero poi passivo con i trans negli ultimi anni aperto -quasi- a 360° no a uomini :) è passato circa un mese e spinto dalla mia curiosità di andare un po’ oltre… e di incontrare,ho conosciuto un “bisex” tramite una chat trans, mi dice che è una trav attiva e mi spara una serie di foto con il suo fisico snello 178 e 73 kg e 39anni e un cazzo che sembra una mazza da baseball da quanto è lungo,la larghezza è buona ma ne ho presi di più larghi in incontri avuti con trans di colore quindi della verginella non ho proprio niente rimango però sconvolto dalla lunghezza sciorinata nelle foto,sono sei mesi che non incontro e vedere tanta carne in tiro mi viene la voglia di accettare quella provocazione e la tipa o il tipo per convincermi ad un incontro mi spedisce una sua foto con un tanga velato ma non mi convince mi sembra piu un uomo che casualmente mette biancheria intima femminile che una trav,ha una faccia che subito mi rimane antipatica specialmente quando ride sembra che dica guardami in mezzo alle gambe,guarda che poi un bel viaggetto su questo siluro te lo fai una sicurezza imbarazzante ce ne sono di facce di bronzo a giro,mi scrive sei una bella frociona ti scoperei sei matura adatta per il mio cazzone,posso ospitarti ti scopo dal pomeriggio fino alla mattina dopo mandami una foto del tuo culo,bastardo vuoi giocare? Allora giochiamo e mando una foto delle mie rotondità che sono subito esaltate da questo marchettaro,la mia foto è meglio di un assicurata, regolare arriva la sua risposta con altre foto del suo randellone,mi viene in mente un vecchio proverbio chi non mostra non vende ma questo articolo vende bene lo stuzzico e gli dico o per tutti fulmini ma sarà almeno 30cm a quel punto lui cala la maschera e mi scrive vaccona se vieni preparati ti voglio con il rossetto e mutandine brasiliane pizzate nere,era evidente uno come lui voleva iniziarmi a prenderlo nel culo da uomini e non solo dalle trans,non voglio abituarmi a farmi sbattere dai bull non mi piace proprio diventare uno sborratoio,ma la cosa che mi dava un insicurezza continua era la mia voglia di cazzo che era abbastanza smisurata sono sei mesi che sono a secco,non volevo cedere ma lui scrive che mi vuole fare provare tanto piacere e che dovrò mettergli il profilattico con la bocca e butta le basi per un incontro che io volevo disertare e dentro di me dicevo aspetta e spera,io avrei pure disertato se non che la trans che di solito incontravo l''avevano rimpatriata.La chat si sà è virtuale ma si fà presto a farla divenire reale ci eravamo presi “le misure” a vicenda in alcune richieste nei giorni precedenti ero anche di suo gradimento e quindi ci siamo incontrati subito nei paraggi si fà per dire mi sono fatto 300km di treno ad alta velocità,ci siamo presentati,mi ha invitato ad entrare da lui,ha preparato qualcosa da bere,era un pomeriggio abbastanza caldo, e poi mi ha invitato a sedermi accanto a lui sul sofà abbiamo cominciato a guardare cosa avrei indossato mentre lui veste un corto pantoloncino jeans attillato con delle bretelle senza maglietta che senza essere brutale e diretto ne fanno un bel maschiaccio,era sicuramente molto bull e mi eccitava e senz’altro è servito a creare una certa atmosfera,per facilitare le cose fra noi che in pratica siamo ancora due estranei,abbiamo iniziato a commentare alcuni capetti di biancheria intima femminile portati da me arrivati nei giorni precedenti aquistandoli online e provatiche mi andassero a pennello,i più sensuali lo eccitavano,lui era decisamente più scaltro di me che mi trovavo per la prima volta in assoluto ad un incontro intimo con un uomo ha preso la mia mano e se l’è portata sulla patta dei pantaloni, proprio sopra il suo cazzo, senza chiedere se volevo toccaglielo.Io per lui avevo già detto si, guardandolo prima negli occhi e poi lì in mezzo alle gambe, dove avevo indugiato con la mia mano.Lui ha allontanato la mia mano dalla sua,per farmi una carezza delicata tra collo e guancia, subito sotto il mio orecchio destro; poi ha iniziato a sganciare lentamente i propri pantaloni io ero attratto dai suoi movimenti e non aspettavo altro che di vedere il suo cazzo nudo dal vivo e quel punto gli infilo un pezzo da cento e uno da venti in una tasca dei jeans,lui è soddifatto lo vedo per l''ennesima volta con il sorriso da ebete. Mi ha invitato ad andare in camera a cambiarmi dove ho indossato le mutandine brasiliane di pizzo nero e una guepiere con un babydoll,indosso il tutto con calze nere stile anni sessanta,sono felice del risultato dopo i giorni precedenti passati a depilarmi quindi mi reco in bagno dove io mi sono fatto i capelli alla maschietta da solo facendolo di lavoro è stato facile dare un indirizzo alla mia foltissima capigliatura o dovuto solo tagliere e poi il balsamo per dare volume,una rinfrescata alla faccia,fondo tinta rimmel e rossetto e sono proprio una bella frociona matura,sono tornata al sofà e abbiamo cominciato a toccarci,sempre più eccitati,il mio cazzo, come detto, è di dimensioni piccole, lungo circa 13 centimetri quando è duro,con un diametro conforme e proporzionato,il suo era piu del doppio in lunghezza,pure un pò più largo del mio,mi piaceva toccarlo e sentirlo che si induriva nella mia mano,non mi piaceva quello stupido sorriso sulla sua faccia che diceva con sfrontatezza che si sarebbe tolto tutte le sue voglie nelle mie carni ma ora non potevo più tirarmi indietro avevo speso per il viaggio,per la biancheria intima e per i trucchi e speso pure per masturbare quella proboscide e toccargli le palle,mi sentivo in trappola ma vogliosa lui in modo molto delicato mi infila la sua lingua in un orecchio e sussura che mi vuole possedere come una femmina ad un certo punto ha preso un preservativo e me lo ha messo ridacchia e dice se vieni almeno non mi sporchi il sofà, poi ha cominciato a infilare la sua lingua che sembrava una biscia nel mio stretto buchetto che inizia a pulsare e a rilassarsi,io non riuscivo più a masturbarlo in quella posizione,ero molto eccitato e non riuscivo a pensare ad altro e temevo di venire prestissimo, gli ho detto di smettere un momento, di aspettare, altrimenti sarei venuto subito,quindi è venuto verso di me appoggiando il suo bellissimo cazzo sulla mia bocca,l’ho aperta e ho iniziato a succhiare e a muovere la lingua per leccarlo e gustarlo in bocca, e succhiavo e lo facevo entrare e uscire dalla bocca a me piaceva il suo cazzo era duro e grosso e del preservativo che dovevo mettergli con la bocca nemmeno l''ombra,non aveva un sapore cattivo o fastidioso,si sentiva appena l’odore della sborra,mi faceva percepire tutte le forme del glande e dell''asta,lui con un movimento del bacino mi ha affondato il cazzo in bocca e giù in gola mi ha come “sfondato” il palato,mi è piaciuto da brividi mi sono sentita molto vaccona in quel momento con il suo cazzo che mi riempiva completamente la bocca e cercavo di prendere aria,senza però riuscirvi a causa di quel cazzone enorme che mi occupava tutta la gola e pareva chiudermi la trachea; e così la saliva mi faceva tossire lui lo ha tolto e appena ho ripreso aria me lo ha rimesso,spingendolo di nuovo dentro, tutto dentro non era umanamente possibile non ce l’ho fatta e di nuovo ho iniziato a tossire e ad avere le contrazioni per espellere quel corpo estraneo dalla mia gola,abbiamo provato ancora una volta, ma nulla. non c’è stato niente da fare, non sono riuscito a fargli un pompa come penso lui avrebbe preteso a quel punto mi ha detto:voglio possederti e mettertelo dentro al culo,io ero andato con quell’idea?della serie io vorrei,non vorrei ma se tu vuoi,praticamente non volevo essere posseduta come una puttanella,ma lui ha insistito con delicatezza e direi dolcezza, e io mi sono reso conto che,a dire il vero,avevo anche un po’ voglia mi ha toccato un po’ lì, intorno al buchetto, con le dita che aveva inumidito con qualche crema oleosa, mi ha fatto inginocchiare sul sofà, mani sulla spalliera e il culo verso di lui, che stava dietro di me,mi toccava e mi diceva che il mio culo è fatto bene,è stretto, e che me lo voleva aprire….mamma ma fatto il cazzo piccolo ma il culo bello qualcosa di buono a fatto si sà tutti che con il culo bello di cazzi grossi ne prendo quanti ne voglio mi piaceva sentirmi desiderata e mi sentivo sempre più languida,sempre più invogliata,sempre più “femmina”,soprattutto quando lui appoggiava il suo grosso cazzo sul mio sedere, sul mio buchetto, e me lo faceva sentire appena,in quel momento mi sono sentita proprio femmina, desiderata per il mio lato femminile,per il mio bel culo,ero pronta per essere montata una sensazione sia fisica che psicologica molto intensa e molto piacevole,volevo che mi inculasse, volevo sentirmi penetrare e scopare, volevo sentire sbattere le sue palle sul mio culetto e avendo lui 30 cm di minchia reale immaginate dove volevo che stesse tutta la sua asta ero sua,lui è stato molto attento e me lo ha messo dentro piano, spingendo con continuità ma delicatamente. faceva male, o meglio era una sensazione strana,il buchino fuori,non mi faceva proprio male,tirava un po’sembrava strapparsi,ma non era tanto doloroso. anche perchè io “spingevo”, come lui mi diceva,spingevo indietro e spingevo con i muscoli dell''ano,non era troppo diverso da quando mi facevo scopare da qualche trans di colore ma poi il cazzo ha continuato ad entrare, era lui a spingere,lui a farsi strada dentro la mia galleria,in fondo c’è come un ostruzione sembra un secondo anello che stà chiuso e quando ci passava il suo cazzo,lo sentivo;mi sentivo davvero riempire mi sentivo proprio piena di cazzo e lui continuava a picconare la mia galleria anale a colpi di cappella,stavo lì e gemevo era più piacere che dolore entra ancora un po’più dentro,insiste e affonda più dentro a quel punto la voglia,il bisogno di godere,la necessità di fare sesso non mi pareva giustificata mi dilaniava la pancia volevo farlo uscire subito;volevo che lo tirasse fuori sapevo che era la prostata che smazzolata da quella bestia faceva male ma è bastato resistere e ho iniziato a sborrare senza masturbarmi il cazzo,gli dico mi hai fatto venire tiralo fuori,mi fai male,non voglio,mi sento aperto,mi sento dilaniare dentro, è troppo grosso….lui invece con tutta calma mi dice no,ora comincia il bello adesso mi fermo un momento e poi ricomincio a romperti il culo si muoveva piano e mi scopava,passato il momento di crisi inizia a piacermi e mi sento davvero la sua femmina,il mio culo veniva scopato e io sentivo il suo cazzo ben piantato dentro di me,ero quasi immobile e ricevevo brevi sussulti,quella lungarina di carne teneva completamente aperta la mia galleria i miei muscoli sensibilissimi lo stringevano,lo avviluppavano,in realtà,me lo stavo gustando e mi sono sentita veramente sua, “posseduta” dal suo cazzo potente e duro, mi sono riconosciuta come il suo culo da fottere,proprio quello che lui urla prendilo,prendilo tutto sei una frocia rotta in culo ha ripreso a muoversi,spingendo fino in fondo, fino a dove arrivava, sbattendo con il suo pube e le sue palle contro di me,era a fondo corsa,il suo cazzo esplorava il mio culo, le mie viscere,ha avuto un grosso sussulto stava venendo mi stava allagando l''intestino di sborra calda cremosa piena dei suoi girini che mi colonizzavano poi si ritrae,poco a poco spingeva di nuovo, più forte,come per entrare di più ma più di così non poteva, era tutto dentro, era dentro fino in fondo,eppure lui spingeva e si appiccicava a me facendomi sentire le sue palle che accarezzavano le mie mi ha spaccata tutta,la sensazione era quella,ma è durato poco,piano piano mi sono rilassata,o meglio mi hanno ceduto le gambe e lui totalmente a peso morto sulla mia schiena mi teneva immobile e il suo cazzo ha cominciato a scivolare dentro e fuori,sempre più velocemente,sempre più fuori e poi più dentro con forza è diventato molto piacevole,intanto il mio buchetto,ha iniziato a fare aria tentava di espellere un pò del suo sperma ma senza riuscirci le sua eiaculazione era stata molto profonda e poi uscendo e rientrando con il suo cazzone aveva trasformato lo sperma in una specie di lubrificante,una specie di cremina leggermente viscosa e che facilitava tutto il movimento praticamente posseduta e impregnata fino alla bocca dello stomaco mentre il culo aveva il buco oscenamente aperto e largo quella era la vista che offrivo ai suoi occhi lui mi dice non c’è paragone con la fica scoparti il culo è troppo bello,possedere te è meglio che scopare la moglie davanti al marito e vicevrsa.Mi prende in mano il mio cazzetto semi moscio e vede che il profilattico è quasi pieno e mi dice maialona sei venuta e anche tanto,poi mi mette il suo cazzone in mano mentre si ammosciava è strano sentirlo ammosciare, gli si sgonfia abbastanza rapidamente,perde consistenza si ritira e diventa meno ingombrante,meno scomodo,meno oppressivo e dominante.Lui si alza e con il cazzo che gli arriva a mezza gamba và in bagno non ho potuto fare a meno di ammirarlo,mi dice che gli è piaciuto fin da subito scoparmi.Mentre lui è in bagno io penso a me è piaciuto subire fin da subito?e farmi scopare? anche se questa è stata la prima della notte.Lui esce dal bagno e mi dice che fino a domani mattina non ti mando via voglio spaccarti tutta bella frociona,mi sono sentita come…. insomma dai,come aver perso qualcosa,avevo salutato molto della mia mascolinità che non era mai stata una cima ero ancora meno uomo e molto più femmina,era come se avessi qualcosa di diverso… mi sentivo diverso,giuro a me stesso che dopo stanotte non avrei fatto mai più la femmina dominata e remissiva,avevo fatto solo una prova,ma non era per me,io ero sempre un uomo,un maschio e quella cosa li,farsi scopare da un marchettaro, non era per me. Al mattino dopo dopo che mi ha scopata tutta la notte in tutte le posizioni ho il culo distrutto mi brucia tutto e faccio fatica a camminare e meno male che doveva finire lì,ci siamo rivisti altre volte io ora sono la sua unica femmina e infatti io ho venduto il negozio da parrucchiera,lui si è licenziato ed ha preso la liquidazione siamo andati in Germania abbiamo aperto un piccolo agriturismo ora mi vesto solo da femmina,lui non frequenta più donne ne frocione e io niente trans e sorelline scopiamo tutte le notti e se la stanchezza non ci assale lo facciamo più volte,mentre siamo in cucina io ridendo gli dico in italiano fin che dura fà verdura e lui dura,dura stasera finocchi lessi..................sei stronzo come tutti gli uomini fammi in regalo la collana di perle che mi devi

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!